Nozze all'EsteroNozze all'Estero
Forgot password?

 

Prenota ora con Sector Golf

ASSISTENZA VELOCE

Saremo felici di poterti aiutare ad organizzare una vacanza perfetta

COLLABORAZIONI UNICHE

Collaboriamo con i migliori hotel e campi da golf nel mondo per far vivere esperienze uniche


VIVI EMOZIONI IRRIPETIBILI

Viaggia, esplora, sogna ad occhi aperti e prenditi una vacanza di puro riposo e passione


VIAGGIA IN SICUREZZA

Viaggia per il mondo in totale sicurezza, Noi teniamo alla tua salute

Destinazioni consigliate






Le vostre mete preferite


Sector Golf News


(ANSA) – ROMA, 22 FEB – Il The Genesis Invitational di golf va all’americano Max Homa che in California supera al play-off il connazionale Tony Finau e festeggia il secondo titolo in carriera sul PGA Tour.

A Pacific Palisades gran finale di Francesco Molinari che chiude ottavo e conquista la terza Top 10 stagionale in quattro partenze e balza dalla 107/a alla 85/a posizione del ranking mondiale. Sul percorso del Riviera Country Club (par 71), che nel 2028 sarà il campo di gara, sponda golf, delle Olimpiadi di Los Angeles, con un par alla seconda buca supplementare Homa approfitta del bogey di Finau e ritrova un successo che mancava dal maggio 2019 (Wells Fargo Championship).

Vedi tutto...

E’ un trionfo speciale per Homa, 30enne di Burbank, città nella contea di Los Angeles. Un exploit arrivato in casa che gli ha permesso di incassare un assegno di 1.674.000 dollari a fronte di un montepremi complessivo di 9.300.000. Homa è stato infatti l’unico giocatore a far registrare sempre un punteggio sotto il par (66 70 70 66) nei 4 giorni di gara. Quinto nel 2020, stavolta è riuscito a far sua la contesa. Con questa impresa Homa – premiato dal suo idolo Tiger Woods – è salito al decimo posto della FedEx Cup e al 38/o del world ranking (era 91/o).

Miglior piazzamento in carriera sul circuito per Burns, terzo (273, -11) con tanti rimpianti. Quarto posto (275, -9) per l’australiano Cameron Smith, quinto (277, -7) per lo spagnolo Jon Rahm (secondo nel world ranking) e il norvegese Viktor Hovland.
Finale di gara show per Chicco Molinari. Il piemontese, con un 67 (-4) finale su un totale di 278 (68 73 70 67, -6) ha conquistato un nuovo piazzamento di prestigio. Stesso score per Dustin Johnson, numero 1 mondiale. Cinque birdie e un solo bogey (peraltro alla 17, la penultima di giornata) per Molinari, che già era arrivato ottavo al The American Express nella sua prima partenza stagionale (poi s’è piazzato decimo al Farmers Insurance).

Un solo passaggio a vuoto nella competizione per “Laser Frankie” (nuovo membro del Riviera), quello nel secondo round (dov’è precipitato dalla 12/a alla 40/a posizione), con una bella reazione nel terzo giro nonostante il forte vento che ha provocato un ritardo di 4 ore. (ANSA).

(ANSA) – ROMA, 15 DIC – Si giocherà sul campo della Ryder Cup 2023 la 78esima edizione dell’Open d’Italia. Dal 2 al 5 settembre 2021, al Marco Simone Golf & Country Club di Roma, andrà in scena la massima rassegna del golf nazionale, appuntamento clou dell’European Tour.

Il torneo vanterà un montepremi di 3 milioni di euro e non farà parte delle Rolex Series (i cui eventi premium, per il prossimo anno, saranno solo quattro). Questa la decisione del massimo circuito continentale.
Ma la sfida avrà un appeal di assoluto rilievo.

Vedi tutto...

La nuova partnership tra PGA Tour ed European Tour, volta anche a contrastare l’avanzata della Premier Golf League – e a favorire quel “global tour” che in tanti nell’ambiente sollecitano – faciliterà la presenza in campo di molti big internazionali, a partire dai campioni europei e americani. Che, a quanto apprende l’ANSA da fonti qualificate, si sono detti entusiasti di giocare l’Open d’Italia 2021. Il torneo rappresenterà pure l’opportunità, per le star della Ryder, di conoscere da vicino il nuovo percorso di gara, completamente rinnovato e pronto ad essere svelato al mondo, addirittura in anticipo rispetto al cronoprogramma.

Un’anteprima di quello che sarà il palcoscenico verso i grandi appuntamenti che andrà ad ospitare, viene fornita dalla Federazione Italiana Golf – attraverso un flyover di alcune buche del percorso oggetto di un restyling – a cinque anni dall’assegnazione della Ryder Cup, la più importante manifestazione di golf al mondo. Nel dicembre 2015 la FIG, guidata da Franco Chimenti, vicepresidente vicario del Coni, riuscì a superare la concorrenza di Austria, Germania e Spagna conquistando l’opportunità di ospitare, per la prima volta in Italia, la sfida tra Europa e Usa.
Il prossimo Open d’Italia si giocherà quattro settimane dopo le Olimpiadi di Tokyo e tre prima della Ryder Cup del Wisconsin (USA), posticipata – causa Covid – dal 2020 al 2021 (con il conseguente slittamento della Ryder Cup italiana dal 2022 al 2023). Sarà la seconda volta (la settima a Roma) al Marco Simone dopo la prima del 1994.

Per una manifestazione vinta in passato da campioni Major del calibro di Tony Jacklin (1973), Billy Casper (1975), Bernhard Langer (1983 e 1997), Sandy Lyle (1984 e 1992), Greg Norman (1988), Graeme McDowell (2004) e Francesco Molinari (2006 e 2016). (ANSA).

(ANSA) – ROMA, 25 FEB – Un tributo a Tiger Woods, nella culla del golf. E’ quello riservato all’Old Course di St. Andrews, in Scozia, da Robert Ogle III, caddie americano, dopo il grave incidente automobilistico che ha visto coinvolto a Los Angeles il campione californiano.

Il logo di Tiger Woods, “TW”, e poi la frase “thoughts and prayers”, pensieri e preghiere. Un disegno, sulla sabbia – per una passione questa conosciuta un anno fa durante il lockdown – per il quale sono serviti due rastrelli e circa un’ora di lavoro.

Vedi tutto...

All’Old Course “The Big Cat” ha vinto l’Open Championship, il Major più antico del golf (prima edizione nel 1860) nel 2000 e nel 2005.
“Tiger significa così tanto per lo sport e questo è il minimo che potessi fare per quello che lui ha significato per noi appassionati: concentrazione, perseveranza, determinazione e fiducia”. Queste le dichiarazioni del caddie-artista con la sua creazione che sta facendo il giro del mondo. (ANSA).